La neuroplastica

Cenni storico scientifici

La NEUROPLASTICA è una delle scoperte più sorprendenti degli ultimi anni. Si pensava che le cellule nervose non si rigenerassero. Ma nel 1998, un gruppo di scienziati americani ha dimostrato che la neurogenesi si verifica non solo fino all'età di 13-14 anni, ma per tutta la nostra vita e che nuove cellule nervose possono apparire anche negli adulti.

Hanno scoperto che la ragione della diminuzione delle nostre capacità mentali con l'età non è la morte delle cellule nervose, ma l'esaurimento dei dendriti, i processi delle cellule nervose attraverso i quali gli impulsi passano da neurone a neurone. Se i dendriti non vengono costantemente stimolati, si atrofizzano, perdendo la capacità di condurre, come i muscoli senza attività fisica.

Le stesse attività quotidiane formano comportamenti modellati - le nostre abitudini - durante l'utilizzo e il rafforzamento delle stesse connessioni neurali. È così che è integrato il nostro "pilota automatico", ma la flessibilità del nostro pensiero ne risente.

Il nostro cervello ha bisogno di esercizio fisico. Ogni giorno devi cambiare le azioni di routine e modello per nuove, inusuali per te, che coinvolgono diversi sensi; eseguire azioni ordinarie in modo insolito, risolvere nuovi progetti, cercare di sfuggire al "pilota automatico" dei soliti schemi. L'abitudine indebolisce la capacità del cervello. Per essere produttivo, ha bisogno di nuove esperienze, nuovi compiti, nuove informazioni - in una parola, cambiamenti.

Fino al 1998, si riteneva che la crescita dei dendriti avvenisse solo in tenera età, ma la ricerca ha dimostrato che negli adulti i neuroni sono in grado di coltivare i dendriti per compensare quelli persi. È stato dimostrato che le reti neurali possono cambiare durante la vita di una persona e il nostro cervello immagazzina enormi risorse di neuroplasticità - la capacità di cambiare la sua struttura.

È noto che il nostro cervello è costituito da tessuto embrionale, cioè quello di cui è composto l'embrione. Pertanto, è sempre aperto allo sviluppo, all'apprendimento e al futuro.

Il cervello è in grado di cambiare la struttura e la funzione della materia grigia con un semplice pensiero, immaginazione, visualizzazione. Gli scienziati sono convinti che ciò possa accadere anche senza influenze esterne. Il cervello può cambiare sotto il potere di quei pensieri con cui è riempito, la mente è in grado di influenzare il cervello. I nostri cervelli sono creati dalla natura per l'apprendimento e cambiamenti simili. "Trasformati rinnovando la tua mente".

Tutto quanto sopra ci porta a capire che il vero raggiungimento degli obiettivi richiede un cambiamento fondamentale nel modo in cui funziona il tuo cervello: superare il programma genetico e l'educazione precedente con tutte le convinzioni a lungo termine. Non devi solo accarezzare i pensieri della tua immaginazione che sono presenti non più a lungo del "Non bevo più nulla" del nuovo anno, ma riqualificare il tuo cervello, creando nuove strutture neurali. I neurologi dicono: "I neuroni che convergono insieme, insieme e si trovano." Le nuove strutture neurali nel tuo cervello creeranno reti completamente nuove, "diagrammi di flusso", adattati per risolvere nuovi problemi.

"Il tuo compito è quello di gettare un ponte sul divario tra te e gli obiettivi desiderati."

Gli scienziati dicono che nel nostro cervello, 100 miliardi di neuroni sono più che stelle nella nostra galassia! Ogni cella, a sua volta, può dare 200 mila rami.
Pertanto, il cervello ha enormi risorse per conservare ricordi di circa 3 milioni di anni. Gli scienziati lo chiamano "alberi magici della mente", perché le cellule nervose nel cervello sembrano alberi ramificati. Gli impulsi elettrici pensati tra i neuroni vengono trasmessi attraverso le sinapsi - zone di contatto tra i neuroni. Il neurone medio nel cervello umano ha da 1.000 a 10.000 sinapsi o contatti con neuroni vicini. Le sinapsi hanno un piccolo divario, che l'impulso deve superare.
Quando impariamo, cambiamo il modo in cui funziona il cervello aprendo nuove strade per impulsi elettrici mentali. In questo caso, il segnale elettrico deve "saltare" attraverso la fessura della sinapsi per formare nuove connessioni tra le cellule nervose. Questo percorso è il più difficile da superare per la prima volta, ma mentre impara, quando il segnale attraversa la sinapsi ancora e ancora, le connessioni diventano "più ampie e più forti", aumenta il numero di sinapsi e connessioni tra i neuroni. Si stanno formando nuove micro-reti neurali, in cui sono "incorporate" nuove conoscenze: credenze, abitudini, modelli di comportamento. E poi finalmente abbiamo imparato qualcosa. Questa capacità del cervello si chiama neuroplasticità. È il numero di micro-reti nel cervello, e non il suo volume o massa, che hanno un'influenza decisiva su ciò che chiamiamo intelligenza.

Lungo la strada, voglio notare che nella prima infanzia, quando passa il periodo di istruzione più intenso, un ambiente di sviluppo ricco e diversificato è estremamente importante per un bambino.

La nostra tecnologia

«Neuroplastica» è una nuova rivoluzionaria tecnologia che permette di ampliare notevolmente la banda dei ritmi cerebrali. I ritmi cerebrali di una persona che ha fatto una serie di trattamenti di «Neuroplastica» superano diverse volte quelle di una persona media. Gli effetti positivi del trattamento, quali: il miglioramento delle capacità cognitive, nuove connessioni neuronali, la caduta degli stereotipi, i pensieri originali – si vedranno già dopo alcune sedute.

Bisogna dire che ogni persona potrà avvertire degli effetti diversi, propri, i risultati sono molto individuali. Come non esistono sulla Terra due persone uguali, non ci saranno due risultati identici: ci sarà colui si libererà dalle cattive abitudini, colui che vincerà nella lotta contro un male cronico, e colui che raggiungerà delle vette nell'arte e nello sport.

Il principio d'azione

Il trattamento consiste di tre fasi.
La prima (Accelerazione) aumenta la frequenza dei ritmi cerebrali da 8 a 44 Hz da alfa a gamma.
La seconda (Stabilizzazione) aiuta il cervello a sostenere la banda dei ritmi più ampia.
La terza (Rallentamento) rallenta la frequenza dei ritmi da 44 a 8 Hz, da gamma ad alfa ritmi.
Queste tre fasi rappresentano una “palestra” per il vostro cervello, insegnandolo gradualmente ad usare una banda di frequenze più ampia per risolvere diversi problemi della vita.

Come avviene il trattamento
Assumere una posizione comoda, chiudete gli occhi, fermate il dialogo interiore e già dopo alcuni minuti entrerete in un piacevole stato di rilassamento. Una persona media ci impiega circa 8 minuti.
Prima del trattamento è meglio bere un bicchiere d'acqua alcalina con PH 9,0.

In internet si trovano molti sistemi basati su queste frequenze, ma noi abbiamo deciso di sviluppare una nostra tecnologia unendo 4 sistemi di cui uno ad azione psico-induttiva, uno frequenziale-armonica , uno ad azione magnetica e uno neuro-fotonica. La peculiarità, a confronto degli altri trattamenti consiste nella riduzione delle tempistiche di trattamento e in una maggiore efficacia neuro-vibrazionale (neuroplastica ).

Questa combinazione permette aumentare notevolmente l'efficacia dell'azione del trattamento.

Con questo nostro sistema, a differenza del tradizionale, possiamo trattare anche i malati di epilessia, i ragazzi al di sotto di 16 anni e anche le persone con gravi forme delle malattie psichiche e non psichiche. Il trattamento non è un medicinale e non è destinato per la cura o per la diagnostica delle malattie.

Questo trattamento è basato sui numerosi studi scientifici riguardo all'azione delle frequenze sull'organismo umano.
E' stato provato che la combinazione della frequenza portante 330 Hz e del ritmo 3 Hz è capace di eliminare diverse forme della reazione allergica. La frequenza 330 Hz, tra l'altro, agevola l'asportazione dall'organismo dei metalli pesanti e il rilassamento muscolare.
Questa frequenza è in risonanza con il terzo chakra (Manipura).

“...Tutte le cose più belle sono state fatte dai narcisisti.
Tutte le cose più interessanti, dagli schizoidi.
Tutte le cose più buone, dai depressi.
Tutte le cose impossibili, dagli psicopatici.
La gente sana ha inciso poco sulla storia dell’umanità."
(Piotr Gannushkin, psichiatra russo)